I Castelli dei destini incrociati

30 Set

CINEAUTUNNO 2016

Il destino, il fato sono temi antichi quanto l’uomo stesso. Come il caso governa le nostre esistenze? Che peso ha nelle nostre scelte? Il nostro libero arbitrio quanto conta nelle strade che imbocchiamo in ogni momento della nostra vita?
Ispirandoci nel titolo, alla magnifica opera di Italo Calvino i cui racconti scaturivano da continui intrecci tra i simboli dei tarocchi del mazzo cosiddetto di Marsiglia, ci interroghiamo in proposito aiutandoci con cinque film italiani usciti negli ultimi due anni. Ritratti d’esistenze in lotta sia con il destino che con le proprie interiorità, i propri demoni da sfamare e la voglia di una vita che assomigli il più possibile ai propri sogni. Intrecci e ritratti che ci permettono di fare anche un piccolo punto sul nuovo cinema italiano ancora ricco di nuove storie da raccontare.

________________________________________________

Mercoledì 12 Ottobre ore 21,15

Non essere cattivo

immagine_di_-non_essere_cattivo

Di Claudio Caligari, Colore, Ita 2015, 100’.
Con Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Silvia D’Amico, Roberta Mattei.

La vita di due amici, Vittorio e Cesare, nelle borgate romane degli anni ’90 tra droghe, malavita e tentativi di costruirsi un futuro per salvarsi da povertà e miseria.
Il testamento artistico di Claudio Caligari, morto alla fine del montaggio, è un eccellente spaccato della fine del mondo cantato e filmato da Pier Paolo Pasolini. Mondo seppellito da industria, cemento e tecnologia. Un film che resterà nella storia del cinema italiano.

Mercoledì 19 Ottobre ore 21,15

Alaska

alaska

Di Claudio Cupellini, Colore Ita/Fra 2015, 125’.
Con Elio Germano, Astrid Bergès-Frisbey, Valerio Binasco, Elena Rodonicich.

Nadine e Fausto, lei francese, lui italiano si incontrano a Parigi. Si innamorano e sembrano disposti a tutto pur di realizzare i propri sogni e desideri.
Ottimo ritratto di due solitudini che occhieggia molto ai grandi registi francesi della prima metà degli anni ’70 come Eustache e Lelouche. Grande prova d’attore per Elio Germano che gestisce dramma, azione e tensione con rara maestria.

Mercoledì 26 Ottobre ore 21,15

Hungry Hearts

hungry-hearts

Di Saverio Costanzo, Colore, Ita 2014, 109’.
Con Adam Driver, Alba Rohrwacher, Roberta Maxwell,Jake Weber.

Jude, americano, e Mina, italiana, si incontrano a New York. Si innamorano e vanno a vivere insieme. In breve Mina rimane incinta. Pian piano la donna comincia a sviluppare per il neonato una sorta di ossessione che porterà la vita della giovane coppia a cambiare irrimediabilmente.
Tratto dal romanzo Il Bambino Indaco di Marco Franoso, Costanzo gira un film in linea con la sua poetica filmica fatta di un realismo prepotentemente intaccato dalle devianze della mente umana. Coppa Volpi a Venezia per Alba Rohrwacher.

Mercoledì 2 Novembre ore 21,15

Smetto quando voglio

smetto-quando

Di Sidney Sibilia, Colore Ita 2014, 105’
Con Edoardo Leo, Valeria Solarino, Valerio Aprea, Paolo Calabresi.

Un gruppo di ricercatori universitari costretti dalla Grande Recessione a sbarcare il lunario con i lavori più impensati, si ingegnano per dare una svolta alle proprie vite. L’idea è l’immissione sul mercato di una nuova droga da loro ideata e prodotta.
I destini questa volta sono quelli di una banda creata ad hoc fatta da persone diversissime tra loro ma accomunate dall’essere laureate.
Sibilia innesta sui canoni codificati da Guy Ritchie, Andrei Dominik e Manetti Bros. una commedia all’italiana d’oggi che, vuoi per il cast di attori, vuoi per l’ottima sceneggiatura, è una vera e propria boccata d’ossigeno per un genere che da troppo tempo soffre di prodotti non proprio all’altezza.

Mercoledì 9 Novembre ore 21,15

I Corpi Estranei

corpi-estranei

Di Mirko Locatelli, Colore Ita 2013, 96’.
Con Filippo Timi, Jaouher Brahim.

I destini di Antonio e Jaber si incrociano in un ospedale milanese. Antonio venuto per curare il suo bambino malato, Jaber per incontrare un amico anche lui degente. La diversità tra i due porterà ad un inevitabili incontro/scontro dal quale soprattutto Antonio, uscirà cambiato e rafforzato.
Sulla lezione di Girgio Diritti e del magnifico Welcome di Philippe Lioret, ancora una storia dove la diversità si mostra in tutta la sua concretezza e verità, un luogo quasi fisico dove l’umanità cerca in ogni modo di entrare per riuscire ad averne ragione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: