Lavoro 3.0

16 Apr

china_blue488

Se proviamo a definire come prima fase dell’evoluzione del lavoro in epoca moderna e contemporanea quella della rivoluzione industriale di fine ‘800 e come seconda fase quella del secondo dopoguerra, con il boom economico e la nascita del consumo di massa, oggi ci troviamo di fronte a quella che possiamo definire come terza grande fase, quella della globalizzazione, della delocalizzazione, del precariato, della grande crisi dell’economia occidentale e di conseguenza del modello consumistico. In questa rassegna vorremmo parlare di questa terza fase, non tanto in termini di macro economia, quanto delle conseguenze che questa grande crisi di sistema porta nelle vite delle persone, nelle comunità, nei rapporti sociali e interpersonali. Racconteremo quindi di una fuga dalla troppa competitività, della vita di una ragazzina cinese operaia e schiava del moderno mercato del lavoro, di come si possa discendere senza farsi troppo male nella scala sociale a causa della perdita del lavoro, di come una periferia della working class americana dimenticata e apatica possa scivolare nel dramma.

mercoledì 23 aprile 2014 – ore 21

A tempo pieno

di Laurent Cantet – 2001

tempopieno

Vincent, manager e consulente aziendale, da mesi non ha più un lavoro. Non dice nulla in famiglia, e continua apparentemente a vivere come nulla fosse cambiato, girovagando e dormendo in automobile. Scopriremo che in realtà si tratta di una fuga da un lavoro ormai insostenibile, costruita su un castello di bugie nei confronti della famiglia che ben presto non potrà che crollare.

mercoledì 30 aprile 2014 – ore 21

China Blue

di Micha X. Peled – 2005

china2

Un documentario girato in semi clandestinità che racconta la vita di Jasmine, una giovanissima operaia di una fabbrica cinese di blue jeans (da cui il titolo). Nel tentativo di dare un volto all’anonima massa lavorativa sfruttata dei paesi dell’est che l’occidente poco conosce, il regista racconta la quotidianità, i sogni, le emozioni di un’operaia schiava della sua fabbrica e del nostro consumo.

mercoledì 7 maggio 2014 – ore 21

Giorni e nuvole

di Silvio Soldini – 2007

giornienuvole

Elsa e Michele sono una coppia colta e benestante. Hanno una figlia ventenne, Alice, e una serenità che ha permesso a Elsa di coronare un antico sogno: laurearsi in storia dell’arte. Ma la loro vita cambia repentinamente quando Michele confessa di non lavorare da due mesi e di essere stato estromesso dalla società che lui stesso aveva creato anni prima. La casa in cui abitano viene venduta, i soldi in banca sempre meno… Per Elsa è un fulmine. Ma superato lo shock, è lei a fronteggiare la crisi con maggiore energia.

mercoledì 14 maggio 2014 – ore 21

Bubble

di Steven Soderberg – 2005

bubble

In una cittadina dell’Ohio, Martha e Kyle lavorano in una fabbrica di bambole. La loro vita è grigia, sempre uguale a se stessa. Lavoro, pranzi malsani, ancora lavoro, televisione la sera. Una linea piatta. Senza ritorno. L’amicizia viene improvvisamente minacciata dall’arrivo di una nuova operaia, Rose, che suscita interesse in Kyle. Ma una mattina Rose viene trovata morta, strangolata. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: